SYNERGO MODALITÀ DI TRATTAMENTO E SICUREZZA

  • Minimamente invasivo

  • Trattmento ambulatoriale

  • Risultati duraturi sul lungo periodo (> 10 anni follow-up)

  • Tasso complessivo di conservazione della vescica pari a 87,6%

  • Approvato CE ed utilizzato dal 2001 in centri medici in tutto il mondo

Il dispositivo di ipertermia a radiofrequenza Synergo® è indicato per:

Trattamento adiuvante (Profilattico):

prevenzione della recidiva dei tumori in seguito allo sradicamento completo mediante TURBT (resezione transuretrale) del tumore alla vescica: nei pazienti con tumore non-muscolo infiltrante della vescica a rischio medio ed alto (European Association of Urology guidelines)*.

​

Trattamento neo-coadiuvante (ablativo):

per lo sradicamento efficace (ablazione) dei tumori superficiali nei pazienti che soffrono di tumore non-muscolo infiltrante della vescica nei seguenti casi:

TURV: non è possibile effettuarla in un’unica sessione a causa dell’elevato carico di tumori o più siti.

Paziente non è in grado di sottoporsi ad anestesia per motivi medici.

Paziente che resta positivo al tumore nonostante la TURV. 

Il tumore non può essere reciso a causa della posizione anatomica (collo della vescica retro pubica).

Decisione clinica, come l’elevata percentuale della ricorrenza dei tumori alle vescica.Presenza di CIS, solo o concomitante a un tumore papillare.

Ogni sessione dura 40 minuti, somministratrazione di 2 porzioni di Mitomicina-C dissolta in 50 ml in due periodi di mezz'ora in combinazione con ipertermia indotta da Synergo.

* (Low-risk: single, Ta, G1, < 3 cm diameter; High-risk: T1, G3, multifocal or highly recurrent, CIS; Intermediate-risk: all other tumors, Ta-T1, G1-G2, multifocal, > 3cm diameter)

VIEW GUIDELINES (chapter 6 table 6.3) >>

 

Dall’inizio nel 1991 e interrottamente fino a oggi, sono stati condotti studi clinici per esaminare i benefici del trattamento combinato di Synergo® rispetto alle sole chemioterapia e immunoterapia, per pazienti con NMIBC e altri tumori a carico della vescica. I risultati positivi hanno condotto allo sviluppo di “Synergo®” e “trattamento Synergo®”.

Molti centri hanno pubblicato ulteriore documentazione e avviato il trattamento di routine dei loro pazienti con Synergo®. 

Migliaia di pazienti sono stati sottoposti al trattamento nel corso degli anni e sono stati attentamente monitorati per eventuali effetti collaterali e complicazioni. La maggior parte degli effetti collaterali e delle complicazioni osservate sono ben conosciuti e già associati alle instillazioni di chemioterapia intravescicale (senza ipertermia). Gli effetti collaterali osservati erano transitori e generalmente senza ripercussioni a lungo termine sulle funzioni della vescica, erano di carattere superficiale e si sono risolti nel corso del trattamento con un intervento medico minimo e senza effetti residui rilevanti. Le complicazioni osservate sono state trattate in maniera soddisfacente utilizzando procedure standard. Effetti collaterali simili si sono verificati durante i trattamenti Synergo® Coadiuvante (profilattico) e Neoadiuvante (ablativo). Il trattamento Synergo® con ipertermia e chemioterapia non causa complicazione grave, ad eccezione degli eventi anticipati che si verificano a seguito di cateterizzazione della vescica urinaria e di trattamento con ipertermia e chemioterapia. Di conseguenza, il trattamento eseguito con il sistema Synergo® può essere considerato sicuro e non comporta alcun rischio per il paziente o per l’operatore. Gli effetti collaterali sono documentati e presentati in riviste scientifiche pubblicate.

Synergo® è stata oggetto di raccomandazione nelle linee guida EAU quale unica tecnologica efficace dimostrata per la terapia del carcinoma della vescica non muscolo-invasivo.
Ipertermia indotta da microonde

Sono stati presentati dati promettenti sul potenziamento dell’efficacia della MMC con ipertermia indotta da microonde nei pazienti con tumori ad alto rischio [199]. In uno studio controllato randomizzato di confronto di un anno di bacillo di Calmette e Guérin (BCG) con un anno di mitomicina C (MMC) e di ipertermia indotta da microonde nei pazienti con carcinoma della vescica intermedio e ad alto rischio, è stata dimostrata una ridotta sopravvivenza libera da recidiva a 24 mesi nel gruppo MMC [200] (LE: 1b) (Dati estratti dalle linee guida EAU 2018, disponibili online qui: https://uroweb.org/guideline/non-muscle-invasive-bladder-cancer/#7

DATI CLINICI

 

Synergo® - Articoli sul trattamento adiuvante (profilattico):
Studio clinico controllato randomizzato: 83% liberi da malattia al follow-up a 2 anni (Colombo et al.)
Follow-up a lungo termine: 53% liberi da malattia al follow-up a 10 anni (Colombo et al. 2003), 72% liberi da malattia al follow-up a 10 anni (Moskowitz et al. 2012)
Pazienti con fallimento di BCG: 72% liberi da malattia al follow-up a 2 anni (Native et al. 2009)
Studio clinico controllato randomizzato: 78,3% liberi da malattia al follow-up a 2 anni (Arends et al.)
Candidati per la cistectomia: 85% e 48% liberi da malattia al follow-up a 1 anno e 2 anni rispettivamente (Volpe et al.)
Pazienti T1G3: 57,1% liberi da malattia al follow-up a 2 anni (Halachmi et al.)

Synergo® - Articoli sul trattamento neo-adiuvante (ablativo):
Tassi di risposta completa (eliminazione del tumore) rilevati con trattamento Synergo®: 
72% (Nair 2014)
85% (Luedecke 2014)
79% (Moskowitz 2012)
92% Risposta completa (Witjes 2009) Carcinoma in situ: 51% liberi da malattia al follow-up a 2 anni (Witjes et al.)
75% (Gofrit 2003).

 

LA SCIENZA DEL ENERGIA RF

La distruzione dei tessuti tramite calore è un fenomeno noto da tempo [1]. La spiegazione più comunemente accettata per l’utilità dell’ipertermia nel trattamento del cancro di per sé e in combinazione con altre forme di trattamento è legata alla differenza nella vascolarizzazione dei tumori rispetto al tessuto normale [2]

I tumori crescono nei tessuti raggiunti da vascolarizzazione preesistente. Quando il tumore cresce, lo fa a scapito della normale circolazione del sangue.

Effetti sinergici di regressione dei tumori sono stati osservati nei casi in cui l’ipertermia viene utilizzata assieme ad agenti antineoplastici selezionati. Il meccanismo della regressione sinergica del tumore può essere spiegato da un aumento dell’uptake cellulare del farmaco, dall’alterazione della distribuzione intracellulare e del metabolismo del farmaco e da un aumento della velocità di reazione del farmaco. L'obiettivo del sistema Synergo è raggiungere all'interno dei tessuti una temperatura adatta per consentire al farmaco di penetrare meglio, accelerandone la reazione con il DNA.

Si sono rilevati livelli plasmatici di mitomicina C incrementati di 6 volte quando il farmaco viene instillato intravescicalmente utilizzando il sistema Synergo® [3].

La penetrazione di MMC nella parete della vescica e delle cellule può essere spiegata con le correnti elettriche Inter e intracellulari di droga-mobilitazione ("Foucault") prodotte dalla radiazione RF e la fornitura di calore profonda molto efficiente. Le stesse correnti sono anche responsabili della "micro-Poring"[4] della membrana cellulare che aumentano l'assorbimento del farmaco, a causa del trasferimento ionico.

Uno studio recente[5] presenta che RF causa i declini nella vitalità e nella proliferazione delle cellule tumorali, cambia la funzione dei mitocondri nelle cellule tumorali ed è stato seguito dall'altezza di autophagosomes nel citoplasma delle cellule tumorali. D'importanza, gli effetti del trattamento di RF erano trascurabili in cellule non-maligne.

Un modello distinto di risposta immunitaria umorale e mediata da cellule, osservato unicamente nei pazienti trattati mediante MMC con Synergo® RITE [6-7] può anche essere un fattore che contribuisce ai livelli abbastanza bassi di recidiva e di valori di progressione riportati, anche nei pazienti ad alto rischio [8-12].

[1] Storm, F.K., et al. Cancer Res 39, 2245-51 (1979).

[2] Natadze, T.G. Vopr Onkol 5, 654-62 (1959).

[3] Paroni, R. et al. Br J Clin Pharmacol 52, 273-8 (2001).

[4] Ware et al. Scientific Reports | 5:12083 | 2015 43.

[5] Curely et al. Curley S. et al. Int. J. Environ. Res. Public Health 2014, 11, 9142-9153 (2014).

[6] Colombo, R. et al. J Urol 155, 1227-32 (1996).

[7] Colombo, R. et al. J Urol 153, 959-63 (1995).

[8] Witjes, J.A., et al. World J Urol 27, 319-24 (2009).

[9] Nativ, O. et al. J Urol 182, 1313-7 (2009).

[10] Halachmi, S. et al. Urol Oncol 29, 259-64 (2011).

[11] Gofrit, O.N. et al. Urology 63, 466-71 (2004).

[12] Kilb, J.-I. et al. Journal of Clinical Oncology 36, 456-456, doi:10.1200/JCO.2018.36.6_suppl.456 (2018).

 

EVENTI E CONFERENZE

EAU

March 15-19

Barcelona

Stand n. H38

AUA

May 3-6

Chicago

Stand n. 4634

BAUS

June 24-26

Glasgow